UN CODIBUGNOLO NORDICO IN BRIANZA

       

 

Il Codibugnolo testabianca fotografato da E.Volonte'

 

Chi si occupa di ornitologia sicuramente ricorda che dopo aver interessato l’Olanda una invasione di Codibugnoli nordici aveva raggiunto la Francia a partire da fine ottobre 2010 principalmente nella sua parte orientale. Poi diversi gruppi furono segnalati, nei primi giorni di novembre, anche in Svizzera. Questi uccelli furono attribuiti alla sottospecie Aegithalos caudatus caudatus, diffusa dalla Scandinavia all’Asia orientale. Va sottolineato che al di fuori del contesto di una invasione è difficile stabilire con certezza a quale sottospecie appartengano poiché anche la nostra sottospecie A. caudatus europaeus può talvolta avere la testa bianca. Inoltre le ricatture mostrano che A. caudatus europaeus è piuttosto sedentario alle nostre latitudini (Spina & Volponi 2008: Atlante delle migrazioni degli uccelli in Italia. vol 2, Ispra). Gli ornitologi olandesi Jansen & Nap hanno studiato i criteri di identificazione della sottospecie A. c. caudatus e il loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista Dutch Birding. La testa interamente bianca è il solo criterio diagnostico (gli individui di A. c. europaeus con la testa bianca hanno generalmente tracce più scure sulla testa, in particolare dietro l’occhio). A. c. caudatus ha le parti inferiori più bianche, colore rosa per lo più limitato alle sottocaudali, bordi bianchi più larghi sulle ali e netta demarcazione fra il collo nero e la testa. Non esiste una vera e propria popolazione circoscritta di europaeus con la testa biancastra, visto che questo è un fenomeno generalizzato che interessa tutto l'areale della sottospecie (dai versanti nord delle Alpi, anche italiane, fino al nord Europa). L'unica variabile è la frequenza con cui compare localmente e, almeno nelle immediate vicinanze dell'Italia, le popolazioni est-alpine sembrerebbero quelle in cui il fenomeno di comparsa sia più frequente. Ma esemplari con testa biancastra appaiono ovunque, incluse le Alpi francesi e svizzere, e nella Germania meridionale. Va infine aggiunto che osservazioni di europaeus con testa bianca non sono affatto rare nei Paesi bassi ed anche in Danimarca. Da questo anno in poi molte sono state le segnalazioni avvenute anche grazie alla maggiore conoscenza acquisita dagli osservatori sparsi sul territorio italiano. A queste osservazioni va aggiunta ,in Brianza, terra lombarda, quella avvenuta in data 5 ottobre 2017 relativa ad un soggetto segnalato presso l’area umida dell’Oasi di Cesano Maderno in provincia di Monza e Brianza. Il soggetto si e’ trattenuto diverso tempo sui cespugli dell’area mentre era in attivita’ trofica dando modo all'amico fotografo E.Volonte' di scattare alcune foto utili alla conferma della sua presenza . Una nuova sottospecie e’ stata quindi aggiunta alla lista di tutte quelli presenti in provincia arricchendone in modo importante la varieta’.

 

Aprile 2020

 

W.S.

 

«Precedente