OSSERVAZIONI DI PARTICOLARI CUTRETTOLE IN PROVINCIA                  DI MONZA E BRIANZA


Tra le specie che mi danno piu’ soddisfazione quando faccio birdwatching le Cutrettole occupano una posizione di tutto rilievo. Le apprezzo per la loro eleganza nei movimenti e nei voli rapidi composti da acrobazie quando si impegnano alla cattura di qualche ghiotto insetto che popolano le campagne. Ma la soddisfazione maggiore si prova quando attraverso la variabilita’ del loro piumaggio e grazie all’impegno unito alla difficolta’ si riesce nell’identificazione della sottospecie di appartenenza. L’individuazione e la determinazione di un individuo ad una precisa sottospecie implica molto occhio clinico di per se aiutato da una conoscenza che viene acquisita nel tempo solo sul campo e grazie all’aiuto di guide tassonomiche bibliografiche adatte ed esaurienti. Quest’ultimo aiuto pero’ in alcuni casi non e’ sufficiente anche per i piu’ esperti perche’, si sa, possono esserci ibridi di specie e sottospecie che avendo il loro areale di nidificazione sovrapposto possono accoppiarsi e dare vita ad individui intermedi con caratteristiche morfologiche interessanti ma molto ingannevoli. Sono poche le specie di uccelli al mondo che presentano tante differenze importanti nella stessa specie e la Cutrettola le rappresenta tutte. In questo simpatico motacillidae le differenze morfologiche sono considerevoli da una stagione all’altra, da un’eta’ all’altra, da un sesso all’altro e da una sottospecie all’altra’. Da qualche anno, frequentando i territori brianzoli, ho avuto la fortuna di osservare alcune Cutrettole appartenenti a varie sottospecie di cui alcune interessanti. Altri birdwatcher poi, hanno poi documentato altre osservazioni interessanti di cui un possibile ibrido.
 

CHI E’ LA CUTRETTOLA:


Appartenente alla famiglia dei Motacillidae La sua lunghezza media è di 17 cm, mentre l'apertura alare raggiunge i 23-27 cm e il peso si attesta tra i 12 e i 18 g. Il colore di questa è grigio uniforme o bianco-giallastro superiormente, giallo inferiormente. Entrando più nel merito della colorazione, curiosa è la varietà di tinte sul capo del maschio secondo le varie sottospecie di cutrettola. Il dimorfismo sessuale resta accentuato: a differenza dei colori accesi del maschio, la femmina è bruno-fulviccio di sopra e biancastra sotto. Depone tra le 4 e le 6 uova una o due volte nei dodici mesi di colore maculato. Il periodo di incubazione varia fra gli 11 e i 13 giorni. È possibile osservare la Cutrettola in Europa, Nord Africa e Asia. In Italia ci sono nidificazioni sparse. Predilige soprattutto i campi umidi, ma si può riprodurre anche in zone asciutte, come nei campi di cereali. La dieta di questo uccelletto è principalmente insettivora. Non disdegna inoltre vermi ed altri piccoli organismi animali. Nell'estate, segue le greggi posandosi sul dorso degli animali da pascolo e li libera dai parassiti. Essa segue senza paura i contadini soprattutto quando arano i campi avvicinandosi ai mezzi saltellando di zolla in zolla, passando in rassegna il terreno tra gli incavi e le sporgenze girate dal vomere dell’aratro. E’ piacevole osservare le Cutrettole in gruppo durante il periodo migratorio quando, dal nulla, arrivano in gruppo meta’ volando e meta’ saltellando sempre trillando. Il loro piumaggio riempie d’incanto la monotonia cromatica di un prato o della terra nuda. In questo modo e’ bello vederle nutrirsi come in un banchetto, momento importante in una giornata che sembra vocata alla baldoria.

 

LE SOTTOSPECIE ESISTENTI:


M. f. flava (Linnaeus, 1758) – Vive in Europa centrale e settentrionale, sino ai monti Urali ed e’chiamata "Cutrettola gialla"                                                                                                      M. f. flavissima (Blyth, 1834) - diffusa nel Regno Unito e in Europa settentrionale e chiamata "Cutrettola britannica"
M. f. beema (Sykes, 1832) – Presente dalla Siberia e Kazakistan sino all'Himalaya e chiamata "Cutrettola di Sykes"
M. f. iberiae (Hartert, 1921) – Vive nella Penisola Iberica, in Francia sud-occidentale e Maghreb e’ chiamata "Cutrettola di Spagna"
M. f. cinereocapilla (Savi, 1831) – presente in Italia, comprese Sicilia e Sardegna, Corsica, Slovenia e’ chiamata "Cutrettola capocenerino"
M. f. feldegg (Michahelles, 1830) – Presente dai Balcani sino all'Iran e all'Afghanistan e’ chiamata "Cutrettola capinera"
M. f. thunbergi (Billberg, 1828) – Presente dall'Europa settentrionale alla Siberia nord-occidentale e’ chiamata "Cutrettola caposcuro"
M. f. lutea (S.G.Gmelin, 1774) - Russia e Kazakistan
M. f. pygmaea (Brehm, AE, 1854) - Egitto
M. f. leucocephala (Przewalski, 1887) - Siberia sentro-meridionale, Mongolia e Cina

 

LE CUTRETTOLE OSSERVATE IN PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA:

 

Motacilla flava flava F.

Motacilla flava flava M.

Motacilla flava cinereocapilla

Motacilla Flava feldegg F.


   
                                                    Motacilla Flava Flavissima M.                                                                                                            

probabile Motacilla flava dombrowskii

Motacilla flava iberiae

 

Aprile 2020

W.S.



«Precedente