ALL'OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO DELLA FEIN BISSATO L'INANELLAMENTO DELLA CIVETTA CAPOGROSSO 



                                                                                                                                    Nella foto la Civetta capogrosso  Aegolius funereus inanellata

Come gia’ avvenuto nel mese di settembre del 2005, quest’anno in data    3 ottobre 2012 si e’ ripetuta la cattura di una Civetta capogrosso              (Aegolius funereus). Questo piccolo rapace notturno misura cm.25.       Vive nelle foreste di conifere e nidifica nei buchi degli alberi fatti dal Picchio nero (Dryocopus martius).

Possiede abitudini poligame ed ha un carattere schivo. La sua grande faccia chiara, contornata di bruno scuro. Il suo richiamo, molto insistente e profondo, viene emesso di notte e pu essere udito sino ad alcuni chilometri di distanza. Essendo una specie di montagna stata osservata in collina occasionalmente ed in pianura le sue osservazioni sono molto rare. In regione Lombardia, secondo alcune ricerche condotte tra gli anni ottanta e novanta, in autunno si potuta osservare a bassa quota nella provincia di Bergamo. Gli inanellamenti avvenuti  il 30 settembre 2005 e il 3 ottobre 2012 presso la stazione arosiana della FEIN segnano un dato importante per lo studio della fenologia di questo simpatico rapace appartenente alla famiglia degli Strigiformi.

Il soggetto analizzato, nell’ultima annata di studio, risultato essere un giovane nato nell'anno in corso (codice euring 3). Questa cattura un dato rilevante anche per la Brianza che si vede cosi' arricchire il numero di specie ornitiche presenti occasionalmente o stabilmente in zona. Tutto grazie all'esistenza di un centro come l'Osservatorio Ornitologico di Arosio che, in merito alla studio condotto attraverso l'inanellamento scientifico, contribuisce a diffondere le conoscenze su come e dove vivono specie tanto elusive quanto affascinanti come la Civetta capogrosso che, dopo essere stata misurata e pesata, ha posato per alcune foto di rito per poi essere rilasciata al suo mondo naturale.

Novembre 2012

W.S.

 

«Precedente