RECENSIONI    LIBRI

PROGETTO OSPREY




                                          

 

Flavio Monti
Alessandro Troisi
Edizioni Pandion
Pagg.104
Foto a colori e disegni in b/n

Il volume e’ un contributo alla conoscenza del progetto di reintroduzione del Falco pescatore in Toscana. Dal 2004, grazie alla fattiva collaborazione del Parco della Maremma con il Parco Naturale Regionale della Corsica e all’intenso lavoro sul campo svolto dagli autori, sono state  acquisite nuove informazioni circa la vita e la biologia di questo maestoso rapace, altamente protetto dalle leggi internazionali. L’obbiettivo da raggiungere per altro e’ molto ambizioso. Si tratta di riuscire ad ottenere la nidificazione in terra italiana di questa specie che non avviene piu’ dal 1969 a causa delle persecuzioni dirette che ad sino ai nostri tempi ha dovuto subire. Oggi nella nostra penisola e’ possibile ammirare il Falco pescatore durante il periodo migratorio oppure durante i suoi movimenti erratici nell’entroterra. L’augurio che tutti gli appassionati di ornitologia scientifica si fanno e’ quello di ripoterlo osservare sulle coste italiane mentre, in primavera, nutre la prole. Una realta’ che per realizzarsi avra’ bisogno della conoscenza e del rispetto di tutti. Va sottolineato che uno degli obbiettivi che il volume si pone e’ quello di poter trasmettere questi ultimi elementi.
Il volume si apre con la descrizione e la biologia del Falco pescatore. Attraverso, poi, informazioni sul suo status legale viene introdotta la presentazione del progetto denominato appunto Osprey, il nome in inglese del Falco pescatore. Dopo un capitolo dedicato alla descrizione di un progetto pilota simile, avviato in Inghilterra presso Rhutland Water, viene illustrato il suo comportamento in natura. Un ulteriore capitolo e’ dedicato principalmente alla cronostoria del progetto di reintroduzione seguito da un diario fotografico ed artistico con l’intervento, oltre che degli autori, di naturalisti professionisti  come Fabrizio Carbone e Daniele Occhiato. Questo grande lavoro bibliografico si chiude con una ricca bibliografia europea ed un elenco di siti web dedicati a questa bellissima specie.
Chi fosse interessato al volume deve contattare la Darwin SocietÓ Cooperativa Settore Editoria e Grafica attraverso la mail : valeriazannoni@cooperativadarwin.it oppure visitare il sito web www.cooperativadarwin.it                                          

 

W.S.

 

«Precedente