IL LATO OSCURO DELLA CINCIALLEGRA AGGRESSIVA    ED OPPORTUNISTA



File:Parus major 2 Luc Viatour.jpg
 

Quando si parla della Cinciallegra ( Parus major ) si ha l'immagine di un uccellino familiare affascinante che viene in inverno a mangiare i semi messi a disposizione nelle apposite magiatoie. Ma il grazioso paride possiede ha anche un lato pi¨ oscuro, pi¨ "brutale", soprattutto quando le condizioni di alimentazione sono grezze o quando deve trovare un sito di nidificazione. A volte pu˛ diventare spazzino, uccidendo e mangiando anche passeri o altri piccoli mammiferi. In data 27 dicembre 2010 il fotografo francese Jean-Louis Corsin ha immortalato una Cinciallegra mentre divora una cinciarella che non aveva ucciso a priori. La  Cinciallegra ( Parus major ) e’ un uccello affascinante che amiamo vedere sia in inverno mentre si nutre dei semi offerti o quando occupa le cassette nido appositamente installate per favorire la sua nidificazione. Quando i tempi sono duri per raggiungere l’obiettivo, il comportamento per garantire una sopravvivenza pu˛ essere "brutale", arrivando a rubare cibo nei nascondigli creati da altri passeriformi, o anche attaccare, uccidere e mangiare piccoli passeriformi  o piccoli mammiferi. Basti pensare che per oltre due inverni,dei ricercatori ungheresi hanno visto le Cionciallegre attaccare pipistrelli in letargo nelle grotte. La cinciallegra ( Parus major ) Ŕ il pi¨ grande cincia in Europa, con una lunghezza totale di 14 cm e pesa 13-21 grammi ed Ŕ abbastanza potente per le sue dimensioni. Con il suo becco, pu˛ rompere noci e chicchi di grano. E 'noto il suo comportamento nel rubare nei negozi di alimentari alcuni piccoli frutti ed utilizzare degli "strumenti", tra le spine di conifere per estrarre le larve di corteccia mentre. In Gran Bretagna, Ŕ stato osservato beccare il foglio delle bottiglie di latte a mangiare la panna in superficie. Barnes (1975) ha  descritto due o tre casi di Balie nere ( Ficedula hypoleuca ) trovate morte con il cranio schiacciato in cassette nido occupate dalle cincie riportando anche situazioni in cui la Cinciallegra aveva attaccato e ucciso gli uccelli catturati nelle trappole, nelle reti o nelle gabbie.
Caris (1958) ha riportato l’attacco di una Cinciallegra nei confronti di  un Regolo ( Regulus regulus) uno dei pi¨ piccoli passeriformi in Europa che Ŕ stato ucciso con una beccata sulla parte posteriore della testa, dopodiche’ gli ha strappato occhi e mutilato il cranio. Howard Saunders nel 1899 scrisse che "gli uccelli vengono attaccati dalla Cincia che poi le apre il cranio con il becco per mangiare il loro cervello.          Ryberg (1947) aveva giÓ trovato in Svezia di pipistrelli morti con ferite, probabilmente causate da Cinciallegre. bski Sachanowicz e Krasnode, (1996) aveva trovato una cinciallegra che divorava  un pipistrello morto in una grotta in Polonia. Allo stesso al luogo Radzicki et al.(1999) ha trovato un pipistrello morto e due feriti da una Cinciallegra. 


Nel 1996 furono osservate delle cinciallegre uccidere un pipistrello in letargo in una grotta in Ungheria. Estˇk PÚter Sßndor e Bj÷rn M. Siemers Zsebok  per tre inverni consecutivi, e hanno osservato e filmato direttamente con pellicola 18 questi uccelletti che uccidevano in volo i piccoli mammiferi. Entravano nella grotta, posandosi sui muri, sparendo in pochi secondi le crepe, poi, ucciso i pipistrelli e catturati con il becco  trasportavano  le vittime nei loro becchi (i pipistrelli sono solo 4 centimetri di lunghezza) e li portavano su alberi vicini per essere mangiati. Cominciavano a divorarli dal retro della testa o dell'addome mangiando poi la maggior parte dei muscoli, lasciando solo la pelle e le ossa.
La disponibilitÓ di cibo sperimentale messi a disposizione  come i semi di girasole e la pancetta  ha causato una significativa riduzione della predazione, suggerendo che i pipistrelli servono solo come eccezionale risorsa alimentare durante i periodi di scarsitÓ di cibo. 
I biologi hanno scoperto che le Cinciallegre potevano sentire i richiami dei pipistrelli e localizzarli nelle fessure. Sono stati raccolti dieci anni di dati su questo tipo di predazione e si e’ notato che questo metodo di foraggiamento originale si puo’ trasmettere tra le generazioni. Le pressioni ecologiche, come le condizioni meteorologiche avverse combinate con l'opportunismo pu˛ portare agli animali ad avere un comportamento sorprendente. Naturalmente, questo non vuol dire che la Cinciallegra Ŕ un uccellino  "malvagio" o "cattivo" I suoi comportamenti sorprendenti e poco conosciuti sono solo un altro modo per assicurare la sopravvivenza della specie, soprattutto in inverno quando il neve rende difficile trovare il cibo abituale.

Giugno 2011

W.S.



«Precedente