PASSERI E TELEFONIA MOBILE
 



                                                                                                        Passera oltremontana Foto tratta dal web

Il mese di luglio del 2009 sono stati pubblicati i risultati di una ricerca preliminare condotta dal Research Institute for Nature and Forest belga per verificare gli effetti delle antenne per la telefonia mobile sulla popolazione dei passeri. La ricerca si e’ svolta in sei siti di riproduzione dando risultati  particolarmente interessanti. L'intensitÓ del campo elettromagnetico generato dalle antenne dei ripetitori per la telefonia mobile a 900 e 1.800 Mhz Ŕ negativamente correlata, in modo statisticamente significativo, con la numerositÓ dei passeri. Infatti e’ stato dimostrato che La presenza di valori particolarmente elevati nei campi elettromagnetici caratterizza tutti i siti dove Ŕ estremamente ridotta la presenza di maschi della specie. Un altro studio precedente aveva stabilito una correlazione negativa e significativa tra la forza del campo elettromagnetico delle antenne e la presenza nei nidi di giovani di Cicogna bianca. Il fenomeno Ŕ conosciuto da almeno 40 anni. Gli effetti non termici causati da microonde sugli uccelli ne causano modificazioni nel comportamento, nel tasso di riproduzione, nella crescita, sviluppo, fisiologia ed endocrinologia. Altri studi di laboratorio hanno dimostrato gli effetti negativi sugli embrioni all'interno delle uova. Restano poi le conseguenze delle interferenze sui “sistemi di navigazione” dei migratori che utilizzano anche il campo elettromagnetico terrestre come guida nel volo. Infine, i campi elettromagnetici potrebbero influenzare la presenza di insetti che rappresentano l'alimento fondamentale per lo svezzamento dei piccoli passeri e questo Ŕ giÓ stato evidenziato come uno dei fattori che certamente influenza la grave diminuzione che il passero ha fatto registrare in diverse regioni negli ultimi anni. Questo studio che, come gia’ scritto precedentemente, e’ solo preliminare quindi basato su un numero limitato di osservazioni, sembra cosi’ rafforzare il sospetto che l'ormai onnipresente rete di telefonia mobile, molto importante nella nostra societÓ, abbia un ruolo negativo sulla vita e la riproduzione di alcune specie di uccelli selvatici.

Dicembre 2009

W.S.



«Precedente